Proroga contratti organico Covid del personale docente e ATA: si spera che il governo possa dare l’OK per la proroga sino a giugno.

Attenzione ancora puntata sull’organico Covid, sia del personale docente che ATA, assunto per fronteggiare l’emergenza sanitaria: come sappiamo, rispetto allo scorso anno scolastico, il 2021/22 non ha previsto contratti annuali fino al termine delle attività didattiche. Adesso tutti si chiedono se ci sarà un’ulteriore proroga delle supplenze fino a giugno, se stavolta i contratti coinvolgeranno tutto il personale o se, nella peggiore delle ipotesi, avranno termine.

Proroga dei contratti per l’organico Covid: vicenda complessa

Le vicende dell’organico Covid nel corso di quest’anno scolastico sono alquanto complesse rispetto al 2020/21: inizialmente il governo aveva predisposto che la stipula dei contratti cessasse il 31 dicembre 2021. In prima battuta, si è avuta la conferma del prolungamento degli incarichi solo per il personale docente, escludendo gli ATA. A seguito delle pressioni di sindacati e di alcune forze politiche, è arrivata in extremis anche la proroga per loro. Nuovo termine di scadenza per tutti è fissato al prossimo 31 marzo: cosa succederà stavolta? Si può pensare e sperare in un ulteriore prolungamento?

Qualche settimane fa il Ministro Bianchi ha aperto alla possibilità di una possibile proroga fino a giugno 2022, chiedendo l’aiuto del Parlamento: “Mi appello al Parlamento, serve il vostro aiuto, ma docenti e Ata servono per concludere in modo ordinato l’anno scolastico”, aveva infatti detto in occasione dell’audizione in commissione Cultura alla Camera.

Corso di preparazione al concorso per Dirigente Scolastico – Presentazione sabato 26 febbraio 2022

Fine dello stato di emergenza? Ma la proroga è necessaria

Il governo potrebbe porre fine allo stato di emergenza nazionale nelle prossime settimane. A Timeline su Sky TG24 Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, ha dichiarato: “Osservando i numeri odierni e il trend delle ultime settimane non vi è ragione per mantenere lo stato di emergenza” oltre il 31 marzo. “Ogni pandemia arriva ad una fine e anche questa sta arrivando ad una fine che è una transizione tra pandemia ed endemia. Progressivamente come fanno in altri Paesi e come si sta facendo in Italia si tornerà ad una normalità”.

Se così fosse, e con la difficoltà del governo di trovare le risorse necessarie per la proroga dei contratti fino a giugno 2022, potrebbero decadere le ragioni per prolungare tali incarichi fino al termine delle attività didattiche: conseguentemente le scuole perderebbero delle figure realmente di supporto al corretto funzionamento del sistema scolastico. È pur vero, tuttavia, che sussisterebbero ugualmente le condizioni che hanno portato all’istituzione dell’organico Covid: il sostegno al recupero degli apprendimenti e delle competenze messe a rischio da due anni di pandemia.

Già il sindacato Cisl Scuola ha inviato una lettera al Ministero dell’Istruzione in cui richiede con urgenza un incontro di informazione e monitoraggio sulle supplenze da organico Covid. Attendiamo di conoscere i futuri risvolti della faccenda.

Il dirigente Scolastico

L’Anicia promuove un percorso di preparazione caratterizzato da incontri sui “fondamentali” delle diverse Aree del bando di selezione i quali consentiranno ai candidati di costruire un proprio archivio di conoscenze, indispensabile per consolidare competenze specifiche relative ai diversi settori nei quali il Dirigente Scolastico si trova ad operare.

La ringraziamo per aver effettuato l'iscrizione alla presentazione del corso. Riceverà una mail di conferma. Cordiali saluti
C'è stato un errore con l'invio del tuo messaggio! Prova di nuovo!