Docenti neoassunti, chiarimenti sulle ore di formazione PNRR

Ore di formazione PNRR: se non svolte, il percorso formativo è comunque valido.

 

In seguito ad alcune richieste di chiarimenti riguardo al percorso di formazione e prova per il personale docente neoassunto nell’a.s. 2023/2024 o che ha ottenuto il passaggio di ruolo, il Ministero ha ricordato che con nota 65741 del 7 novembre 2023 sono state fornite istruzioni operative.

Il percorso formativo, diviso in 4 fasi, richiede un totale di 50 ore di impegno, sia in presenza che online, come programmato dagli Uffici Scolastici Regionali o territoriali, in accordo con le Scuole polo, su scala territoriale e utilizzando la piattaforma digitale di apprendimento di INDIRE, aperta nel mese di novembre precedente.

  • 𝐍𝐮𝐨𝐯𝐨 𝐜𝐨𝐫𝐬𝐨 𝐢𝐧 𝐩𝐚𝐫𝐭𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐥𝐚 𝐩𝐫𝐨𝐯𝐚 𝐬𝐜𝐫𝐢𝐭𝐭𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐃𝐢𝐫𝐢𝐠𝐞𝐧𝐭𝐢 𝐒𝐜𝐨𝐥𝐚𝐬𝐭𝐢𝐜𝐢

Successivamente, è stato emesso il Decreto-Legge 2 marzo 2024, n. 19, convertito con modifiche dalla Legge 29 aprile 2024, n. 56, che all’articolo 14 stabilisce che a partire dall’anno scolastico 2023/2024, le attività formative durante il periodo di prova annuale includono la partecipazione, attestata da un apposito certificato finale, di uno o più moduli formativi pari almeno al 20% delle ore totali previste nel decreto di cui all’articolo 13, comma 1, quinto periodo, erogate nell’ambito delle linee di investimento 2.1 e 3.1 della Missione 4, Componente 1, del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Con nota del 13 maggio il Ministero precisa che, considerando che il decreto è stato emanato durante una fase già avanzata del percorso di formazione e prova, nel caso in cui le attività formative siano già state completate o se il numero di ore rimanenti sia insufficiente, la mancata partecipazione alle attività indicate nel decreto legge non influisce sulla validità del percorso formativo per l’anno scolastico 2023/2024.

LA NOTA

Condividi questa storia, scegli tu dove!