Inclusione scolastica, normativa e giurisprudenza

Se è facile parlare di inclusione scolastica, non sempre è facile comprenderne bene le logiche, gli strumenti e le procedure più utili a realizzarla appieno e con efficacia.

Questa è l’introduzione di un’interessante nota dell’USR Piemonte, che propone un’utile ricognizione normativa e giurisprudenziale sull’inclusione scolastica.

In particolare, la nota si sofferma sugli strumenti a disposizione delle scuole: il piano educativo individualizzato (PEI) e il piano didattico personalizzato (PDP), con un cenno anche al PAI (piano annuale per l’inclusione).

  • 𝐍𝐮𝐨𝐯𝐨 𝐜𝐨𝐫𝐬𝐨 𝐢𝐧 𝐩𝐚𝐫𝐭𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐥𝐚 𝐩𝐫𝐨𝐯𝐚 𝐬𝐜𝐫𝐢𝐭𝐭𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐃𝐢𝐫𝐢𝐠𝐞𝐧𝐭𝐢 𝐒𝐜𝐨𝐥𝐚𝐬𝐭𝐢𝐜𝐢

La nota poi continua illustrando le norme che regolano le iscrizioni degli alunni con disabilità e la formazione delle classi, il rapporto tra disabilità e privacy, le uscite scolastiche e altri aspetti riguardanti DSA e BES.

Vengono inoltre affrontati i seguenti aspetti:

  • mancata adozione e attuazione del piano didattico personalizzato
  • l’importanza del verbale del consiglio di classe e della motivazione
  • il successo formativo: responsabilita’ dello studente, della scuola e della famiglia
  • la tempestività della certificazione e della diagnosi
  • la collaborazione e la comunicazione scuola-famiglia
  • la valutazione come atto di esercizio di discrezionalitàtecnica
  • l’esame di stato e il documento del 15 maggio.

LA NOTAm_pi.AOODRPI.REGISTRO-UFFICIALEU.0007687.13-05-2024-1

Condividi questa storia, scegli tu dove!