Continuano, purtroppo, ad aumentare i casi Covid in Italia: ecco le regioni a rischio zona gialla e arancione per Natale e Capodanno.

Vacanze di Natale, aumentano i casi di contagio Covid e con essi il rischio di zone gialle e arancioni in Italia. Diverse regioni hanno oramai superato i parametri considerati critici per il cosiddetto passaggio dalla zona bianca alla zona gialla e le vacanze natalizie potrebbero portare nuove restrizioni. Intanto, da lunedì prossimo, 20 dicembre, LiguriaMarcheVeneto e la provincia autonoma di Trento passeranno ufficialmente in zona gialla: il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato l’ordinanza. Altre regioni, però, sono potenzialmente a rischio per Natale e Capodanno.

Covid, aumentano i casi in Italia: ecco le regioni a rischio zona gialla e arancione per Natale e Capodanno

Oltre alle succitate Liguria, Marche, Veneto e provincia di Trento, altre tre regioni potrebbero rischiare il passaggio dalla zona bianca alla zona gialla già subito dopo Natale, a partire da lunedì 27 dicembre. Le regioni in questione sono la Lombardia, il Lazio e l’Emilia Romagna.

Secondo i dati dell’ultimo monitoraggio, la Lombardia fa registrare un’incidenza di 261 casi ogni 100mila abitanti: per il momento, restano sotto la soglia critica i dati riguardanti le ospedalizzazioni, sia in area medica che in terapia intensiva.

Le regioni a rischio zona gialla già dopo Natale

Anche il Lazio, come la Lombardia, rischia la zona gialla subito dopo Natale. L’assessore alla Sanità della Regione, Alessio D’Amato, ha confermato a questo proposito: ‘Il Lazio rischia il giallo, probabilmente verso il Capodanno potremmo andarci. Bisogna sempre mantenere alta l’attenzione, abbiamo un vantaggio da difendere e non dobbiamo far calare le misure di prevenzione’. Nel Lazio, l’incidenza è di 179,8 casi, l’occupazione dei reparti ordinari è al 12,1% e quella delle terapie intensive al 9,6%.

L’Emilia Romagna potrebbe tenere compagnia a Lombardia e Lazio: qui l’incidenza è di 241 casi e un tasso di occupazione al 10% in terapia intensiva e al 10,7% negli altri reparti.

Zone a rischio zona arancione

L’unica regione che potrebbe passare in zona arancione, tra Natale e Capodanno, dovrebbe essere il Friuli Venezia Giulia anche se il governatore Massimiliano Fedriga ha parlato di ‘situazione sotto controllo’.
In Friuli, comunque, la situazione sta preoccupando in maniera particolare: l’incidenza registrata è pari a 378 casi settimanali, le aree mediche sono occupate al 23,3% e le terapie intensive al 14,3%.

Anicia Formazione

Tel. 06/5898028 – Cell. 339.7628582

E-Mail: formazione@anicia.it

Scrivi a 𝐴𝑛𝑖𝑐𝑖𝑎 Formazione su WhatsApp.

Formazione-Anicia-favicon

SCRIVICI

Formazione Anicia vanta un'esperienza trentennale nella formazione. Per qualsiasi dubbio, chiarimento o consiglio non esitare a contattarci. Ti risponderemo il prima possibile!

Grazie per averci inviato il tuo messaggio!
C'è stato un errore con l'invio del tuo messaggio! Prova di nuovo!