Il Senato ha approvato il disegno di legge che introduce la possibilità di iscrizione contemporanea a due diversi corsi di laurea.

Università, da oggi, sarà di nuovo possibile iscriversi a due corsi di laurea contemporaneamente, in modo da non dover rinunciare ad un talento o a una passione: è stato abolito, infatti, il divieto, introdotto nel 1933. L’aula del Senato ha approvato, in via definitiva, il disegno di legge che introduce la possibilità di iscrizione contemporanea a due diversi corsi di laurea. Il provvedimento ha avuto 178 voti favorevoli, 5 contrari e 4 astensioni.

Pittoni: ‘Ok a doppio corso di laurea, approvato in via definitiva il disegno di legge’

“Abbiamo approvato oggi in via definitiva il disegno di legge che sopprime il divieto d’iscrizione contemporanea a più corsi universitari e di istruzione superiore. Un divieto anacronistico – ha spiegato il senatore Pittoni – contenuto nel testo unico delle leggi sull’istruzione superiore, di cui al regio decreto n. 1592 del 1933, che privava i nostri studenti di opportunità invece riconosciute agli studenti di altri Paesi, in particolare europei”.

  • I nuovi documenti per il sistema integrato 0-6. Linee pedagogiche “zerosei” e orientamenti del sistema “zerotre” LIVE - Sabato 08 ottobre 2022 – dalle 10,00 alle 13,00 Aggiornamento professionale Modalità: Presenza e Online Tematiche: Autonomia, Didattica per competenze Durata: 4 ore - Relatore: Diana Penso Destinatari: Educatrici, Infanzia

Il senatore Mario Pittoni è il relatore del provvedimento oltre che responsabile del Dipartimento Istruzione della Lega e vicepresidente della commissione Cultura a Palazzo Madama. “La legge – ha precisato Pittoni – si fa carico dell’esigenza di favorire una formazione specialistica di carattere trasversale, che sia in grado di coniugare l’approfondimento universitario con una sempre maggiore flessibilità delle competenze e dei saperi.

Consentirà l’iscrizione contemporanea a due corsi di istruzione universitaria (articolo 1) ovvero a due corsi di studio nelle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM) o a due corsi di studio presso le università e le istituzioni AFAM (articolo 2).

L’attuazione è demandata a distinti decreti del Ministro dell’università e della ricerca (articolo 4). Prevista anche la trasmissione alle Camere di una relazione sullo stato di attuazione della legge e – conclude Pittoni – una valutazione dell’impatto della medesima (articolo 5)”.

fonte: scuolainforma