L’OCSE: stipendi della scuola fra i più alti d’Europa, ma i docenti la smascherano

Informazione scuola

Ha ragione l’OCSE quando parla di stipendi dei docenti fra i più alti d’Europa o quanto dichiarano i docenti stessi?

Gilda Venezia

Le affermazioni dell’OCSE che parla degli stipendi della scuola italiana fra quelli che sono aumentati più di tutti in Europa, sta sollevando un vespaio di polemiche, proprio fra docenti ed ATA.

Un nostro lettore, attivo sulla nostra pagina Facebook, scrive: “Sono cresciuti così bene che sono quattro mesi che prendo 240 euro in meno in media ed invece di darmi il TFR dello scorso anno in un’unica soluzione (roba di nemmeno 500 €) mi hanno pagato con tre mesi di ritardo e solo una tranche di 150 euro… ma quante buffonate scrivono e tutti a crederci… qualcuno ci invidia persino (“E si lamentano sempre…”)… praticamente le tragicomiche!!!”

  • 𝐍𝐮𝐨𝐯𝐨 𝐜𝐨𝐫𝐬𝐨 𝐢𝐧 𝐩𝐚𝐫𝐭𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐥𝐚 𝐩𝐫𝐨𝐯𝐚 𝐬𝐜𝐫𝐢𝐭𝐭𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐃𝐢𝐫𝐢𝐠𝐞𝐧𝐭𝐢 𝐒𝐜𝐨𝐥𝐚𝐬𝐭𝐢𝐜𝐢

Ma non è l’unico, un altro nostro lettore smaschera il meccanismo: “… è evidente che se percepisci uno degli stipendi più bassi d’Europa e ti viene aumentato di due spicci, in termini proporzionali, il tuo misero stipendio, che resta sempre misero, risulta aumentato più di quello dei colleghi europei… Ma sempre fra i più bassi rimane. Basta andarsi a leggere i dati.
Che sia tra i più alti europei, è oggettivamente falso.
Comunque, per farsi un’idea immediata, basta rapportarlo al reddito medio nazionale. Il reddito medio di un’insegnante è pressoché in linea con quello. Vogliamo pensare che si tratti del “lavoro medio”? Io penso che, fino a qualche decennio fa, non venisse considerato tale ma, almeno un pochino di più…”

Però i quotidiani più vicini all’Esecutivo non hanno esitato a riempire le prime pagine esaltando appunto la politica stipendiale del governo.

Il dibattito è aperto, così la nostra casella di posta elettronica, chi vuole contribuire portando la propria testimonianza può farlo.

Condividi questa storia, scegli tu dove!