Varate le nuove regole per contrastare l’emergenza Covid-19. Esteso l’obbligo vaccinale per l’intero comparto difesa e sicurezza (500mila dipendenti) e per il personale scolastico (1,2 milioni): in tutto si tratta di 1,7 milioni di persone. Il personale scolastico ha tempo per adeguarsi all’obbligo vaccinale fino al prossimo 15 dicembre, poi scatterà la sospensione dello stipendio. Draghi: “Grazie ai vaccini siamo tra i migliori in UE“.

Leggi il decreto Super Green Pass

Guarda la conferenza stampa 

L’estensione dell’obbligo vaccinale al personale scolastico e alle Forze dell’ordine riguarda anche la terza dose o il richiamo per chi ha fatto il vaccino Johnson“, precisa il ministro Speranza. Poco più di un paio di settimane, per adeguarsi. C’è tempo fino al prossimo 15 dicembre per adeguarsi, poi scatterebbe la sospensione dello stipendio.

Obbligo vaccinale per il personale scolastico, ma con diritto alla conservazione del posto di lavoro

L’obbligo vaccinale viene dunque esteso “per il personale della scuola, del comparto difesa, sicurezza e soccorso pubblico”. “L’atto di accertamento dell’inadempimento – si legge nella bozza di decreto – determina l’immediata la sospensione dal diritto di svolgere l’attività lavorativa, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro. Per il periodo di sospensione, non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominati. La sospensione è efficace fino alla comunicazione da parte dell’interessato al datore di lavoro dell’avvio e del successivo completamento del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della dose di richiamo”.

Super green pass, le nuove regole

Le nuove regole varate all’interno del decreto saranno già valide in zona bianca ma solo per il periodo delle feste natalizie, dal 6 dicembre al 15 gennaio. Poi si valuteranno i dati e la situazione dei contagi. Non cambieranno in zona rossa: le limitazioni agli spostamenti e le chiusure scatteranno per tutti, anche se vaccinati.

Obbligo vaccinale per il personale scolastico, battaglia da Anief

Annuncia battaglia Anief:  “Il Tar ha detto che l’imposizione del vaccino anti Covid19 per docenti e personale scolastico sarebbe illegittimo – dichiara Marcello Pacifico – perché tra i motivi che lo hanno portato a respingere la sospensione cautelare dell’obbligo di Green Pass c’è proprio la sua non obbligatorietà. Come presidente Anief posso dire già ora che siamo pronti a rivolgerci nuovamente alla magistratura amministrativa”.

Super Green Pass: sintesi delle misure

– Introdotto dal 6/12 il green pass “rafforzato”: si ottiene solo con vaccinazione o guarigione; la validità del green pass “rafforzato” scende da 12 a 9 mesi;
– dal 6/12/2021 al 15/1/2022 valgono le nuove regole transitorie per le zone colorate;
– il green pass “base” sarà obbligatorio dal 6/12 anche per: alberghi, spogliatoi per l’attività sportiva, trasporto ferroviario
regionale e trasporto pubblico locale;
– l’accesso a spettacoli, eventi sportivi, bar e ristoranti al chiuso, feste e discoteche, cerimonie pubbliche sarà consentito in zona bianca e gialla solo ai possessori di “green pass rafforzato”,
– ulteriori limitazioni della zona arancione valide solo per chi non possiede il “green pass rafforzato”,
– vaccinazione obbligatoria estesa a personale amministrativo sanità, docenti e personale amministrativo scuola, militari, forze di polizia, soccorso pubblico dal 15/12;
– richiamo obbligatorio per professioni sanitarie dal 15/12;
– rafforzamento sistema dei controlli: entro 3 giorni dall’entrata in vigore del dI, i Prefetti sentono il Comitato provinciale ordine e sicurezza, entro 5 giorni adottano il nuovo piano di controlli coinvolgendo tutte le forze di polizia, relazionando periodicamente.

Norme che non sono cambiate
La mascherina resta non obbligatoria all’aperto in zona bianca e obbligatoria all’aperto e al chiuso in zona gialla, arancione e rossa. Sempre obbligatorio in tutte le zone portarla con sé e indossarla in caso di potenziali assembramenti o affollamenti; restano invariate le tipologie e la durata dei tamponi.

fonte: web

Anicia Formazione

Tel. 06/5898028 – Cell. 339.7628582

E-Mail: formazione@anicia.it

Scrivi a 𝐴𝑛𝑖𝑐𝑖𝑎 Formazione su WhatsApp.

Formazione-Anicia-favicon

SCRIVICI

Formazione Anicia vanta un'esperienza trentennale nella formazione. Per qualsiasi dubbio, chiarimento o consiglio non esitare a contattarci. Ti risponderemo il prima possibile!

Grazie per averci inviato il tuo messaggio!
C'è stato un errore con l'invio del tuo messaggio! Prova di nuovo!