La docente contagiata non era vaccinata contro il covid ma aveva un regolare green pass ottenuto attraverso il tampone. Nel focolaio covid sono stati coinvolti direttamente e indirettamente oltre trecento studenti, tra quelli in quarantena perché contatto stretto e quelli in dad, mentre i contagi sono una decina in tutto.

Non era vaccinata contro il covid ma aveva un regolare green pass ottenuto attraverso il tampone e così si era potuta presentare a scuola normalmente per fare lezione ma purtroppo la docente è stata contagiata dal virus innescando un focolaio covid nell’istituto che ha stravolto la didattica. Il caso a Bologna dove, dopo la comunicazione del contagio, sono subito partire le verifiche che hanno riscontrato l’infezione in altre persone, tra personale docente e studenti, con relative quarantene. Come racconta il Corriere di Bologna, nel focolaio covid sono stati coinvolti direttamente e indirettamente oltre trecento studenti, tra quelli in quarantena perché contatto stretto e quelli in dad, mentre i contagi sono una decina in tutto.

La scuola interessata è l’istituto comprensivo Farini dal quale però lanciano segnali rassicuranti visto che nessuno dei contagiati sarebbe in condizioni gravi, soprattutto grazie ai vaccini, e la situazione è ritenuta sotto controllo. I disagi sono soprattutto per famiglie e ragazzi che non potranno frequentare per alcuni giorni: al momento sono dodici le classi coinvolti su ventidue totali. Si attendono ora i risultati dei tamponi sugli studenti e docenti coinvolti per poter ritornare gradualmente in aula.
Contagi in crescita scuola, a Bologna oltre 400 provvedimenti di quarantena

Del resto non è certo il primo focolaio covid in una scuola bolognese dopo il rientro in classe. Con i test salivari a campione fra i banchi, infatti, sono stati scoperti già decine di casi di contagio che hanno portato a chiusure e quarantene forzate in diversi istituti del capoluogo emiliano. Il Dipartimento di Sanità pubblica nei giorni scorsi ha comunicato che sono già oltre quattrocento i provvedimenti di quarantena tra gli studenti con incidenza maggiore tra le classi più piccole dove ovviamente i bimbi non sono vaccinati. Secondo la Ausl locale, però, la crescita dei contagi è legata più all’ambito familiare, dove sono avvenuti gran parte dei contagi, e non alla ripresa della scuola

fonte: web

Anicia Formazione

Tel. 06/5898028 – Cell. 339.7628582

E-Mail: formazione@anicia.it

Scrivi a 𝐴𝑛𝑖𝑐𝑖𝑎 Formazione su WhatsApp.

Formazione-Anicia-favicon

SCRIVICI

Formazione Anicia vanta un'esperienza trentennale nella formazione. Per qualsiasi dubbio, chiarimento o consiglio non esitare a contattarci. Ti risponderemo il prima possibile!

Grazie per averci inviato il tuo messaggio!
C'è stato un errore con l'invio del tuo messaggio! Prova di nuovo!