Pagelle scolastiche, 7 genitori su 10 non puniscono i figli per le insufficienze

Il Sole 24 Ore

Accuse alla scuola. 1 su 10 se la prende con i prof.

In caso di brutti voti solo 1 studente su 3 viene “sanzionato”. Stop a smartphone, videogames e tv il provvedimento più diffuso. Ma la maggior parte trova invece comprensione in famiglia

Una brutta pagella non è più sinonimo di punizioni draconiane da parte dei genitori. Lo spauracchio di un tempo oggi è superato da un mix di protezione, fiducia nelle capacità dei propri ragazzi, dubbi sull’operato degli insegnanti. Per questo, solo una minoranza degli studenti – circa 1 su 3 – riceve una punizione per le insufficienze riportate a casa con la prima valutazione intermedia. A descrivere questo mutato scenario è una ricerca condotta da Skuola.net – su un campione di 2.500 alunni delle classi superiori – al giro di boa dell’anno scolastico, quando cioè si iniziano a fare i conti con dei ragionamenti di lungo periodo. Si conferma, dunque, una tendenza in crescita negli ultimi tempi. Che vede le famiglie cercare altrove le responsabilità di un rendimento zoppicante dei propri pargoli.

Fine primo quadrimestre

Alla fine del primo quadrimestre (o del secondo trimestre, a seconda dei contesti) ben 1 studente su 3 rimane sotto al sei in almeno una materia e 1 su 10 al momento ha come minimo tre insufficienze. Ma, come visto, l’atteggiamento prevalente è quello che porta al perdono: il 67% degli alunni intervistati ha detto che i propri genitori hanno compreso la situazione, mostrando ottimismo e immaginando che con un po’ di impegno entro la fine dell’anno quei voti negativi diventeranno sufficienze. Peggio è andata invece al 24% degli studenti insufficienti presenti nel campione analizzato: questi ultimi sono invece stati l’oggetto degli strali di mamme e papà.

  • Percorso abilitante 30 CFU art. 13 DPCM 4 Agosto 2023

Accuse alla scuola

Però ci sono anche quelli, non sono pochi, che cercano comunque un capro espiatorio e lo trovano nella scuola: circa 1 famiglia su 10 ha accusato, in parte se non in via esclusiva, il corpo docente di non aver supportato a dovere l’alunno. Un approccio che, in casi estremi, ha portato persino a un’escalation del conflitto genitori-docenti durante i colloqui intermedi: fisica, come riportano il 2% degli intervistati, o verbale, secondo il 4%.

Le piccole punizioni

Un trattamento decisamente indulgente verso i ragazzi che, parallelamente, sta conducendo anche verso la graduale scomparsa di una delle tradizionali contromosse a una brutta pagella: quelle piccole punizioni temporanee, date per far “riflettere”. Ormai meno di un terzo degli studenti “insufficienti” (31%) ne viene investito. La più diffusa, per modo di dire, è la limitazione nell’uso di smartphone, console per videogames, tv (14%). A seguire c’è il divieto di uscire con gli amici o di dedicarsi a sport e passatempo (9%). Al terzo posto troviamo l’obbligo di svolgere dei “servizi” o dei lavoretti in caso o fuori (4%). Più rara una riduzione della paghetta (2%).
«L’approccio pedagogico dei genitori italiani di oggi è decisamente diverso da quello dei loro genitori: se fino a qualche decade fa la consegna delle pagelle intermedie rappresentava un momento quasi drammatico per gli studenti zoppicanti a scuola, oggi la maggior parte di loro affronta con relativa serenità questo passaggio. Sanno infatti che la punizione non è certa – solo 1 su 3 ha ricevuto un provvedimento restrittivo – e che in alcuni casi non saranno loro l’oggetto dell’ira funesta degli adulti. Perché sempre più mamme e papà addossano la colpa di pagelle non da primato ai docenti», così Daniele Grassucci, direttore di Skuola.net.

Condividi questa storia, scegli tu dove!