Il DL 73/21 (articolo 59 comma 9-bis, convertito in legge 106/21) ha previsto un nuovo concorso straordinario riservato ai docenti non coinvolti nelle assunzioni da GPS, per i soli posti residui delle immissioni in ruolo 2021/2022, al netto degli accantonamenti per i concorsi ordinari.

Per effetto di quanto stabilito nel decreto “milleproroghe”, il DL 228/2022, sono stati prorogati i termini per bandire e portare a termine il concorso, la cui prova disciplinare dovrà ora concludersi entro il 15 giugno 2022.

  • Requisiti: avere svolto, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione, un servizio nelle istituzioni scolastiche statali di almeno tre anni anche non consecutivi negli ultimi cinque anni scolastici
  • Ciascun candidato può partecipare in una sola regione e per una sola classe di concorso per la quale abbia maturato almeno una annualità specifica.
  • Le graduatorie sono costituite sommando i titoli posseduti e il punteggio conseguito in una prova disciplinare da tenere entro il 15 giugno 2022, le cui caratteristiche sono definite con decreto del Ministro dell’Istruzione.
  • I vincitori vengono assunti nell’a.s. 2022/2023 con contratto a tempo determinato (31 agosto) e partecipano, con oneri a proprio carico, a un percorso di formazione, anche in collaborazione con le università, che ne integra le competenze professionali e che prevede una prova conclusiva, secondo modalità definite dal decreto del Ministro dell’istruzione. Nell’a.s. 2022/2023 i docenti assunti svolgono anche il percorso annuale di formazione iniziale e prova.
  • I nostri corsi sono strutturati per accompagnare i corsisti nella preparazione delle prove previste dal bando e dai rispettivi allegati e di fornire una preparazione valida spendibile nel contesto scolastico.
  • A seguito del superamento della prova che conclude il percorso formativo svolto in collaborazione con l’università, nonché del superamento del percorso annuale di formazione iniziale e prova il docente è assunto a tempo indeterminato e confermato in ruolo, con decorrenza giuridica ed economica dal 1° settembre 2023.
  • Le graduatorie decadono con l’immissione in ruolo dei vincitori.