Con una recente sentenza, il Tar Lazio ricorda che è illegittimo escludere educatori e docenti di ruolo dai concorsi pubblici della scuola.

Arriva una nuova sentenza a favore dei docenti di ruolo: il Tribunale amministrativo regionale del Lazio stabilisce che non è legittimo escludere il personale docente ed educativo già in possesso di un contratto a tempo indeterminato da procedure concorsuali successive alla nomina in ruolo. Di seguito il punto sulla questione.

Possibilità di partecipare ai concorsi a cattedra anche per i docenti di ruolo

Come riporta il ‘Sole 24 ore’, il Tar del Lazio si è espresso con parere positivo nei confronti dei docenti di ruolo rimasti esclusi dai concorsi a cattedra della scuola: con la nuova sentenza 4188/2022, infatti, il tribunale ha ricordato che non è legittima la normativa che prevede la non partecipazione alle procedure concorsuali per titoli ed esami del personale docente ed educativo che ha già ottenuto il conferimento di un contratto a tempo indeterminato nelle scuole statali, indipendentemente dall’ordine e grado di istruzione.

  • I nostri corsi sono strutturati per accompagnare i corsisti nella preparazione delle prove previste dal bando e dai rispettivi allegati e di fornire una preparazione valida spendibile nel contesto scolastico.

Per il tribunale, la suddetta esclusione diminuisce in modo irragionevole il numero degli interessati ai concorsi e risulta contradditoria nei confronti del principio del reclutamento degli insegnanti da effettuare in base al merito: lo scopo di selezionare le professionalità migliori, invece, per i giudici deve sempre essere tra gli obiettivi principali di ogni procedura concorsuale.