Carta del docente, la procedura è ferma da 9 mesi

di Alex Corlazzoli, Il Fatto Quotidiano

Carta del docente, il governo obbligato da una sentenza Ue a dare il bonus anche ai precari.

 

Una sentenza della Corte di Giustizia Europea ha obbligato il ministero dell’Istruzione e del Merito ad attribuire la Carta del docente con la quale acquistare libri, entrare ai musei, alle mostre o andare al cinema, anche ai docenti precari ma nonostante questo, migliaia di docenti a tempo determinato che hanno vinto ricorsi, non hanno visto alcun accredito sul borsellino elettronico né delle annualità dovute né di quella in corso. L’ennesimo pasticcio burocratico all’italiana sta impedendo a maestri e professori il riconoscimento di un loro diritto. La vicenda risale a due anni fa quando l’Ue ha giudicato discriminatoria la mancata attribuzione del bonus ai docenti con un contratto in scadenza al 30 giugno o al 31 agosto. Da quel giorno il ministero è stato seppellito da una valanga di ricorsi, che continuano a crescere: se si contano solo le sentenze a favore dei precari ottenute si parla di duemila pronunciamenti ma altri ricorsi stanno per essere presentati

  • Percorso abilitante 30 CFU art. 13 DPCM 4 Agosto 2023

Sul sito del dicastero di viale Trastevere a giugno 2023 è comparso un annuncio che invita i docenti che hanno ottenuto una sentenza favorevole ad inviarla alla direzione generale del personale della scuola attraverso la casella dgpersonalescuola@postacert.istruzione.it , indicando il proprio codice fiscale e le annualità riconosciute. Nell’annuncio si precisa che “Il ministero dell’Istruzione e del Merito, una volta esaminata la richiesta, la inoltrerà a Sogei che provvederà ad accreditare sul borsellino elettronico le annualità dovute al docente”.

  • Eredità e fratture. Vivere Europa – Ciclo di seminari organizzati dall’Università di Roma Tor Vergata

Chi è Sogei? La Società generale d’informatica che opera nel settore dell’Ict, controllata al 100% dal ministero dell’Economia e delle Finanze. E così agevolare il passaggio tra viale Trastevere e via Venti Settembre che avrebbe dovuto essere automatico. Sul sito non è precisato quanto tempo occorra al ministero per “esaminare la richiesta”, né quanto tempo impiegheranno gli uffici diretti da Giuseppe Valditara per inoltrare il tutto a Sogei e tanto meno entro quanto tempo quest’ultima provvederà ad accreditare sul borsellino elettronico le annualità dovute al docente. Fatto sta che, nonostante siano trascorsi ormai nove mesi, i precari non hanno ancora novità. Da quanto ilfattoquotidiano.it è stato in grado di ricostruire, da viale Trastevere hanno già trasmesso il tutto a Sogei ma è lì che pare essersi inceppata la procedura.

Condividi questa storia, scegli tu dove!