Bonus una tantum del valore di 200 euro: c’è il via libera per gli autonomi. Quali sono i requisiti, quando presentare domanda e come.

Con l’approvazione del Decreto aiuti bis arriva anche il via libera ufficiale da parte della Corte dei Conti per il bonus una tantum del valore di 200 euro per i lavoratori autonomi. Quali sono i requisiti per ottenerlo, entro quando fare richiesta e come.

Bonus 200 euro autonomi: via libera alle domande

Come abbiamo anticipato, con il Decreto aiuti bis il Governo ha dato il nulla osta per il bonus da 200 euro anche per i lavoratori autonomi iscritti all’Inps e i liberi professionisti associati alle varie Casse previdenziali. Qualche giorno fa si era parlato di un possibile click day intorno al 15 settembre. In realtà, secondo le ultime notizie la data da segnare sul calendario sarà martedì 20 settembre 2022. Prima, però, bisognerà attendere la pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale. Soltanto in seguito l’Inps e gli altri Enti pensionistici privati renderanno disponibili sui propri portali la procedura da seguire.

  • I nuovi documenti per il sistema integrato 0-6. Linee pedagogiche “zerosei” e orientamenti del sistema “zerotre” LIVE - Sabato 08 ottobre 2022 – dalle 10,00 alle 13,00 Aggiornamento professionale Modalità: Presenza e Online Tematiche: Autonomia, Didattica per competenze Durata: 4 ore - Relatore: Diana Penso Destinatari: Educatrici, Infanzia

Requisiti e modalità

A poter beneficiare del bonus da 200 euro saranno, di fatto, i lavoratori autonomi e i liberi professionisti con un reddito al di sotto dei 35 mila euro nel 2021. I destinatari della misura devono, inoltre, risultare iscritti ai vari enti previdenziali alla data di entrata in vigore del Decreto Aiuti (18 maggio), con partita IVA e attività lavorativa avviata e devono aver eseguito almeno un versamento, totale o parziale, per la contribuzione dovuta con competenza a decorrere dall’anno 2020.

A questo scopo il Governo ha stanziato 600 milioni di euro, di cui 95,6 destinati alle Casse di previdenza. Nello specifico, la platea beneficiaria sarà composta da:

  • 430 mila coltivatori diretti, mezzadri e coloni;
  • 859 mila artigiani;
  • 973 mila commercianti;
  • 261 mila professionisti esclusivi;
  • 477 mila casse professionali.

La domanda potrà essere presentata in modalità telematica tramite il sito dell’Inps o quello della Cassa previdenziale di riferimento. I moduli saranno resi disponibili nelle relative sezioni riservate agli iscritti e al loro interno bisognerà dichiarare di essere in possesso di tutti i requisiti necessari per beneficiare del bonus.